50 anni dopo. Brescia, Piazza della Loggia. Venerdì 24 maggio una giornata per ricordare all’Università Roma Tre

Il 28 maggio 1974, a Brescia, in Piazza della Loggia, una bomba nascosta in un cestino per la raccolta dei rifiuti venne fatta esplodere mentre era in corso una manifestazione antifascista di sindacati e lavoratori. L’attentato, di cui venne provata in seguito la matrice neofascista, provocò la morte di otto persone e il ferimento di altre centodue. Fu una strage contro il sindacato e la democrazia.

A quasi cinquant’anni di distanza, l’Iress Lazio insieme all’Anpi Provinciale Roma e alla Cgil di Roma e del Lazio promuovono un convegno presso l’Università degli Studi Roma Tre per commemorare un evento che ha segnato in modo indelebile la storia del nostro Paese, scavando una ferita profonda nella memoria collettiva, e insieme per riflettere sul significato di quella strage e sulla strategia della tensione negli anni di piombo.

L’appuntamento è il 24 maggio, alle ore 9, presso l’aula 17 del Dipartimento di Studi Umanistici (via Ostiense 234).

La registrazione integrale del convegno.